IL SOLAIO PLASTBAU® METAL

Caratteristiche acustiche

SOLAIO PLASTBAU METAL – LICENZA DI PRODUZIONE IN ESCLUSIVA PER L’ITALIA

SISTEMA COSTRUTTIVO DI POLIESPANSO

bg-page-sistema
Home / Prodotti / Solaio Plastbau® Metal / Caratteristiche acustiche

Caratteristiche acustiche e isolamento dei solai Plastbau®

I solai Plastbau Metal, presentano caratteristiche specifiche derivate da un’approfondita attenzione alle rese acustiche sviluppata in fase progettuale del manufatto di riferimento, che riescono a soddisfare quanto richiesto dalla normativa riguardante i requisiti acustici passivi degli edifici per quel che riguarda l’indice del potere fonoisolante apparente (R’W) e l’indice del livello di rumore di calpestio (l’nW,T).

La continua ricerca tecnologica sull’applicazione e l’utilizzo dei materiali Poliespanso, anche in abbinamento a materiali diversi, ha portato alla conferma di importanti miglioramenti in materia di isolamento acustico confermando che l’utilizzo dell’ EPS come cassero migliora le prestazioni acustiche del pacchetto solaio finito.

Caratteristiche acustiche

La progettazione

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici sta diventando un’esigenza sempre più importante nell’ottica piu generale del miglioramento della qualita della vita. La norma UNI EN 12354 (parti 1, 2 e 3) attualizza a livello nazionale, un metodo progettuale per prevedere le prestazioni di un edificio da un punto di vista acustico. Utilizzando le indicazioni contenute nella norma, con l’aiuto ad esempio di software applicativi (possibilità ad esempio di poter scegliere lo strato di materiale isolante piu indicato da interporre tra il solaio ed il massetto), si può avere già durante la fase di progetto, una prima indicazione di quali saranno i valori di potere fonoisolante, di isolamento acustico e di isolamento da rumore di calpestio, in opera. E’ quindi nella fase di progetto che prende forma e si rende possibile la vera protezione contro i rumori esterni ed interni dell’edificio.

Il progettista che utilizza Solai Plastbau, per soddisfare la normativa in vigore dovrà provvedere ad applicare uno strato di separazione tra le superfici rigide (solaio e massetto) idoneo a limitare la componente trasmissiva. Le caratteristiche dello strato di separazione cambieranno anche in relazione ai tipi di pavimentazione e di strati di sottofondo. Una corretta posa dello strato isolante e determinante per una buona resa dell’opera finita.

Le esperienze di Poliespanso

I valori di calcolo devono tenere contro delle perdite di isolamento acustico dovute al “fiancheggiamento”. Secondo la vigente normativa tecnica tali perdite sono individuate dai percorsi di trasmissione laterale che vengono definiti da parametri specifici calcolati tramite formule di calcolo dettagliate che tengono conto delle caratteristiche acustiche e dei tipi di giunto tra la partizione oggetto di studio e le partizioni ad essa limitrofe.
In prima approssimazione se ne può stimare il valore in circa -3 dB nel caso dell’indice di isolamento al rumore aereo (Rw) e +6 dB nel caso dell’indice di isolamento al rumore di calpestio (Ln,w).
Al tempo stesso si precisa che, qualora si abbia la possibilità di intervenire all’intradosso del solaio, realizzando una semplice finitura con intonaco o realizzando un controsoffitto acustico in aderenza o pendinato, si potrà ottenere un miglioramento delle prestazioni di isolamento acustico del solaio. Tale miglioramento è stimabile, realizzando un controsoffitto acustico, tra 2 dB – 4 dB per isolamento al rumore di calpestio, tra 6 dB – 9 dB per l’isolamento al rumore aereo.

E’ poi opportuno considerare anche perdite dovute alle imprecisioni di posa. Tali perdite non sono quantificabili a priori e possono variare notevolmente.

Quando due aziende leader si incontrano per unire le loro competenze, l’obiettivo principale è sempre e solo uno: fornire agli operatori del comparto edile, siano essi progettisti o applicatori, soluzioni complete frutto delle migliori
esperienze messe in campo negli anni.

Poliespanso e Isolmant
Isolamento acustico Solaio Plastbau®

Sono state effettuate misurazioni in opera dell’isolamento dal rumore al calpestio di solai e di isolamento acustico per via aerea. Il pacchetto solaio che prendiamo ad esempio è stato realizzato posando il SOLAIO PLASTBAU® METAL TIPO “C”, 14/4+5 (vedi sezione 2) in combinazione con uno strato di isolante acustico di spessore 4 mm con prestazioni acustiche S’ 29 MN/m³ e ΛL 24 dB .

Tale ambiente di 40 m³ ha rilevato al calpestio (L’nW,T = 56,6 dB) e al rumore per via aerea un abbattimento di (R’W = 64,6 dB). Tali valori assumono ancora più rilevanza se si pensa che solo da pochi anni e con l’utilizzo di materiali e tecnologie costruttive particolarmente all’avanguardia si è riusciti ad ottenere valori vicini ai parametri previsti dalla norma.

Decreto attuativo del 05/12/1997 relativo all’articolo 3, comma 1 lettera e, della legge 26 ottobre 1995 n.447

Premessa

La progettazione acustica di un edificio si prefigge lo scopo di attuare una serie d’accorgimenti finalizzati ad ottenere adeguate condizioni di comfort acustico. L’edificio, da realizzarsi o in fase di ristrutturazione, dovra essere progettato rispettando regole di buona tecnica applicata al campo dell’intercettazione e contenimento della propagazione del rumore al fine di ottenere il rispetto di determinati requisiti acustici. Il decreto relativo alla “determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici” appartiene ad un quadro normativo di decreti attuativi collegati alla Legge Quadro sull’inquinamento acustico n. 447/95 rivolto alla protezione della popolazione esposta alle varie forme che assume questo tipo d’inquinamento, tutelandone le condizioni sia in termini di sicurezza della salute, sia in termini di mantenimento della qualita della vita.

La norma

Il DPCM 5/12/97 (Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici), si prefigge di migliorare la qualita di vita negli ambienti abitativi, in relazione al rumore proveniente dall’esterno, e di armonizzare le tecniche costruttive degli edifici, per quanto riguarda le prestazioni acustiche dei singoli elementi costruttivi mediante l’imposizione di specifici parametri acustici. In particolare il Decreto attuativo del 05/12/1997 relativo all’articolo 3, comma 1 lettera e, della legge 26 ottobre 1995 n.447, relativo ai requisiti acustici passivi degli edifici, indica parametri di riferimento diversi a seconda della categoria di edificio che si considera.

TABELLA A – Classificazione degli edifici abitativi (art.2)

  • Categoria A: edifici adibiti a residenza o assimilabili
  • Categoria B: edifici adibitio ad uffici o assimilabili
  • Categoria C: edifici adibiti ad alberghi pensioni ed attività assimilabili
  • Categoria D: edifici adibiti ad ospedali cliniche, case dei cura e assimilabili
  • Categoria E: edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili
  • Categoria F: edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili
  • Categoria G: edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili
CategoriaRequisti acustici per gli edifici
 R’
w
 D2
m,n,t,w
 L’
nw
 LAS
max
 LA
eq
D5545583525
A – C5040633535
E5048583525
B – F – G5042553535
  • R’w Indice di valutazione del potere fonoisolante apparente degli elementi di separazione tra due distinte unità immobiliari (non inferiore al valore indicato nella tabella);
  • D2m,nT,w Indice di valutazione dell’isolamento acustico di facciata standardizzato per le partizioni di separazione tra interno ed esterno (non inferiore al valore indicato nella tabella);
  • L’nw Indice di valutazione del livello di rumore di calpestio normalizzato (non superiore al valore indicato nella tabella);
  • LAsmax è il livello di pressione sonora prodotta dai servizi a funzionamento discontinuo
  • LAeq è il livello di pressione sonora prodotta dai servizi a funzionamento continuo

ESEMPIO

Requisiti acustici passivi di un edificio residenziale – Edificio in Categoria A

Requisiti minimi passivi i un edificio residenziale

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca